Come pulire il parquet con il robot aspirapolvere

Il parquet è una scelta sempre più nota, per la sua bellezza estetica, ma pure per il calore, l’accoglienza e per l’essere un naturale materiale. A livello estetico, difatti, non ha eguali, al punto che sono sempre di più le persone che optano per montarlo pure in cucine e bagni, che un tempo potevano sembrare in modo rigoroso off limits per tale superficie.

Le caratteristiche del parquet.

In molti però lo temeno, perchè si tratta di un tipo di superficie molto delicata e dunque difficile da poter curare, pure da tale punto di vista,  va sottolineato come i parquet attualmente siano in modo decisivo maggiormente resistenti rispetto a quelli di una volta.

Resta di fatto che il parquet necessita di speciali cure, in particolare di accurate pulizie che non possono prescindere dall’uso degli elettrodomestici giusti. Un tempo, il parquet poteva venir curato attraverso l’utilizzo di una scopa elettrica oppure di un aspirapolvere classico a traino, con l’arrivo dei robot aspirapolvere si è affermata un’altra soluzione. Va difatti, sottolineato come i modelli maggiormente evoluti, quelli di alta fascia, siano capaci di provvedere in modo mirato alla pulizia del parquet.

Qualora si volesse ricorrere all’utilizzo di un robot aspirapolvere per la pulizia del proprio parquet, si dovrà scegliere un prodotto ideato proprio poterlo fare. In tale categoria rientrano in special modo i modelli capaci di fare pulizia con elevata delicatezza, andando così ad evitare di arrecare danni alla superficie. Per farlo devono essere dotati di spazzole molto morbide ed essere costruiti con l’impiego di materiali che non arrechino danno al parquet.

Va anche sottolineato come ci siano robot aspirapolvere lavapavimenti che vanno ad operare rilasciando acqua sul pavimento ed invece altri che vanno a limitarsi a bagnare lo straccio. Si tratta di due modi di lavoro molto diversi da cui derivano diverse conseguenze: nel primo caso, infatti, potrebbe rimanere un dato livello di acqua sul pavimento, che potrebbe rivelarsi dannosa.

Va pure ricordato che i robot di tale categoria possono dare ottimi risultati, purchè i parquet siano non soltanto impermeabilizzati, ma pure ben sigillati, così da evitare eventuali conseguenze deleterie di periodo lungo. Il robot, infatti, tenderebbe a ripassare più volte sui medesimi punti e di conseguenza, per quanto possa aspirare l’acqua in eccesso, ci sarà la possibilità che il legno assorba un determinato quantitativo di acqua macchiandosi e che il liquido si infiltri pure nelle fessure.

Sul sito www.guidarobotaspirapolvere.it tanti importanti informazioni sui robot aspirapolvere.